Dusan Vlahovic, attaccante Juventus
Dusan Vlahovic, attaccante Juventus

Vlahovic e Rabiot, questione rinnovi in casa Juventus: il piano di Manna

Con il Mondiale per Club appena conquistato grazie al ko del Napoli in quel di Barcellona ed una Champions League ancora invece da mettere per iscritto alle manifestazioni a cui si parteciperà l’anno prossimo, la Juventus ha iniziato in maniera importante a pianificare il calciomercato estivo che sarà e, soprattutto, presto si metterà a tavolino per capire quanto prima l’evolversi della situazione rinnovi. I due maggiormente interessanti riguardano Adrien Rabiot e Dusan Vlahovic, che hanno contratto in scadenza rispettivamente a giugno 2024 ed a giugno 2025.

Per il francese parla ed agisce la mamma-agente Veronique, che nell’ultima partita casalinga contro l’Atalanta si è fatta rivedere all’Allianz Stadium e, non da meno, ha addirittura abbracciato il DT Cristiano Giuntoli in tribuna al momento dell’incontro: un gesto significativo e non passato inosservato sicuramente nell’ambiente di Madama, ma che ora necessita di una svolta. Per convincere Rabiot a rimanere alla Juventus giocherà ruolo importante la permanenza o meno di Allegri come primo punto, mentre a seguire sarà determinante l’evoluzione della rosa e gli obiettivi prefissati dal club prima dell’inizio della prossima annata. Dall’altra parte, discorso diverso per Vlahovic.

Adrien Rabiot, Juventus
Adrien Rabiot, Juventus

Rinnovo Vlahovic, Ristic a Torino: la Juventus offre un biennale

L’aspetto comune tra i rinnovi di Rabiot e Vlahovic risponde comunque alla voce tempistica: entrambi si troveranno a parlare dei rispettivi accordi con la Juventus solo al termine della stagione, quando sarà chiaro se la squadra si sarà qualificata o meno alla prossima Champions League ed in che maniera, nel caso. Intanto, l’agente dell’attaccante serbo Darko Ristic è stato a Torino negli ultimi giorni, approfondendo nuovi contatti con il DS Manna: il club vorrebbe ammortizzare i costi dello stipendio di Vlahovic – pronto a crescere fino a 12.5 milioni di euro – spalmandoli su un biennale fino a giugno 2027, ma l’impressione è che l’ultima parola spetti al ragazzo. Dalla Continassa filtra comunque ottimismo.