Rinnovo Chiesa, che assist per Giuntoli: ora la Juventus ci crede

Sostituito da Allegri e più volte fischiato all’uscita dal campo nell’ultimo mese e mezzo, Federico Chiesa sembra aver nuovamente svoltato la propria carriera nelle ultime due partite giocate dalla Juventus: prima il gol dell’illusorio pareggio in quel di Napoli, poi la straripante e generosa prestazione nel pareggio casalingo contro l’Atalanta di Gasperini. Un possibile nuovo turning point della stagione del numero 7 della Vecchia Signora questo dunque, con Chiesa che adesso deve riflettere anche sul proprio rinnovo: il contratto del classe ’97 scade a giugno 2025, con il club e Giuntoli che non vogliono perderlo a zero.

Fattore Mondiale per Club, Chiesa rinnova? Giuntoli ha il piano

Chiaro che con l’ingresso di nuovi 50 milioni di euro nelle casse societarie, adesso la Juventus può non far più buon viso a cattivo gioco: anzi, Giuntoli ha ricevuto un assist al bacio dalla qualificazione al Mondiale per Club, tramite cui adesso potrebbe tranquillamente rifinanziare la rosa e studiare con apparente calma le questioni più spinose inerenti i vari prolungamenti contrattuali. Tra questi c’è anche quello appunto di Federico Chiesa, con la società bianconera intenzionata a proporre un accordo ponte – col rinnovo di un anno fino a giugno 2026 per non perdere a zero il talento toscano e studiare poi per la prossima estate quelle che sarebbero le offerte più convenienti.

Chiesa e Vlahovic, Juventus
Chiesa e Vlahovic, Juventus

Dall’altra parte, come cita La Gazzetta dello Sport, chiaro che anche per Chiesa le porte aperte verso il Mondiale per Club rappresentano un’occasione più unica che rara, soprattutto considerando che il ragazzo italiano non ha ancora potuto esprimersi con la propria Nazionale nella rassegna iridata. In attesa di sperarci per il 2026, la Juventus vuole contare su Chiesa anche l’anno prossimo: ed il piano studiato da Giuntoli attraverso il pass per la manifestazione intercontinentale sembrerebbe essere tassello decisivo sulla strada che porta al prolungamento di Federico.