Rinnovi Juventus, nodo Rabiot: Vlahovic dipende dalla Champions League

Alla continua ricerca di occasioni a basso prezzo in vista della prossima finestra estiva di calciomercato, la Juventus ed il proprio DT Cristiano Giuntoli stanno riflettendo anche sulla questione rinnovi: in attesa di capire chi sarà il prossimo allenatore di Madama – col futuro di Allegri appeso ad un filo nonostante il contratto in scadenza a giugno 2025 e la vittoria sulla Lazio in Coppa Italia – il club piemontese avrebbe messo in cima alla lista delle esigenze da risolvere quanto prima quelle inerenti Adrien Rabiot e Dusan Vlahovic.

E se da un lato il centrocampista francese ed il centravanti serbo rappresentano due chiodi ancora da smussare, dall’altro chi è ad un passo dal rinnovare con la Juventus è Daniele Rugani: tra la società bianconera e l’agente del giocatore esisterebbe infatti un’intesa di massima verbale, con la messa del nero su bianco attesa nelle prossime settimane. Il difensore ex Cagliari arriverebbe a 10 stagioni con la Vecchia Signora, mentre di fronte quella di Rabiot è situazione da valutare attentamente in casa Juventus.

Vlahovic, Juventus
Vlahovic, Juventus

Rinnovo Vlahovic, intrigo Champions League: rimandato Rabiot

L’accordo che Rabiot ha con la Juventus scadrà a giugno 2025, con ogni tipo di discorso tra la società e l’entourage del giocatore transalpino posticipato già da tempo a stagione finita: ciò che frena la dirigenza di Madama è l’interesse che i grandi club di Premier League e Bundesliga – con Manchester United e Bayern Monaco davanti a tutti – avrebbero mostrato nei confronti del numero 25 francese. In caso di un’offerta degna di nota ecco che Giuntoli potrebbe pensare alla cessione, così come lo stesso discorso varrebbe per Dusan Vlahovic.

Il serbo ha contratto in scadenza a giugno 2026, ma qui l’ostacolo è rappresentato prevalentemente dallo stipendio a salire che il giocatore andrebbe a percepire da qui ai prossimi due anni: quasi 12 milioni di euro. La Juventus avrebbe rimandato ogni tipo di colloquio formale con il procuratore Darko Ristic, soprattutto perché per il rinnovo di Vlahovic sarà necessario mettere piede alla prossima Champions League. Senza tale introito, infatti, ecco che il club torinese potrebbe pensare alla cessione di uno dei suoi migliori talenti per fare cassetto.