Eusebio Di Francesco, Frosinone
Eusebio Di Francesco, Frosinone

Juventus-Frosinone, Di Francesco in conferenza: “Allegri fa pretattica”

Tutto pronto ormai per l’inizio del 26° turno del campionato di Serie A, che comincerà questa sera – venerdì 23 febbraio – con l’anticipo Bologna-Hellas Verona alle ore 20:45. La giornata del massimo torneo italiano si spalmerà fino alla volta di domenica 25 febbraio, quando alle ore 12:30 sarà invece il momento di Juventus-Frosinone: a presentare in conferenza stampa l’incontro dell’Allianz Stadium ci ha pensato quest’oggi il tecnico dei ciociari, Eusebio Di Francesco, che ha trattato diversi argomenti ed ha in qualche modo tutelato gli ex di turno dalla possibile emozione in vista della sfida.

“Non so se contro una squadra come la Juventus potrà bastare la stessa bella prestazione offerta contro la Roma, ma di certo dovremo imparare sempre più a difendere meglio per poi costruire ed essere cinici in fase offensiva. Sicuramente dovrà girare dalla nostra parte, ma ora prevale molto più l’aspetto psicologico piuttosto che quello tecnico”ha chiosato Di Francesco inaugurando la conferenza stampa all’antivigilia di Juventus-Frosinone. Inoltre, lo stesso allenatore ha affermato: “Mi auguro che le difficoltà che hanno incontrato di recente le abbiano ancora per una giornata. Modulo? Sto leggendo ed anche noi siamo pronti a cambiare, ma credo che alla fine si tratterà esclusivamente di pretattica da parte di Allegri“.

Massimiliano Allegri, Juventus
Massimiliano Allegri, Juventus

Juventus-Frosinone, Di Francesco: “Come sta Turati”

Infine, focalizzandosi meno sull’avversario di giornata e maggiormente sui singoli di casa propria, Eusebio Di Francesco fa il punto della situazione in merito alcune individualità del Frosinone: “Ho sempre cercato di creare competitività all’interno del gruppo e dello spogliatoio, con Turati che è leader di questo organico. Per le scelte di campo guardo poi al lavoro settimanale. Zortea e Valeri? Entrambi pronti fisicamente ed in grado di giocare dal primo minuto: il secondo ha grande gamba – conclude l’allenatore dei ciociari all’antivigilia di Juventus-Frosinone – ma deve migliorare nella fase di non possesso”.