Massimiliano Allegri, Juventus
Massimiliano Allegri, Juventus

Juventus, da Caressa ad Adani: Allegri divide l’opinione pubblica VIDEO

La vittoria per 3-2 contro il Frosinone scaccia per qualche giorno gli spettri arrivati in casa Juventus dopo i soli due punti guadagnati nelle ultime quattro sfide contro Inter, Empoli, Udinese ed Hellas Verona: la rete decisiva di Daniele Rugani ha quindi fatto tirare un grande sospiro di sollievo a Massimiliano Allegri, che continua però a tenere banco tra l’opinione pubblica e tra i massimi esperti del calcio italiano, appunto divisisi apertamente tra un giudizio sufficiente ed uno meno positivo in merito l’operato del tecnico toscano negli ultimi anni sulla panchina della Juventus.

A schierarsi evidentemente a sfavore di Allegri ci ha pensato per esempio il commentatore ed ex difensore tra le altre di Inter ed Empoli, Lele Adani, che ha parlato in questo modo a La Domenica Sportiva al termine della giornata di domenica 25 febbraio: Trovatemi il tifoso della Juventus che, tre anni fa, quando la società ha annunciato Allegri, avrebbe approvato l’idea di non vincere alcun trofeo per i successivi mesi – dopo la vittoria della Coppa Italia con Pirlo e dello Scudetto con Sarri – ed avere come obiettivo l’ingresso in Champions League. Il lavoro va analizzato nei risultati ottenuti”.

Juventus, Caressa difende Allegri: “Centra tutti gli obiettivi”

Quasi contestualmente all’intervento di Adani, anche il conduttore Fabio Caressa ha detto la propria opinione sull’operato di Massimiliano Allegri al programma Sky Calcio Club, in un dibattito a distanza che continuerà a tenere banco per i mesi a venire e durante gli ultimi giorni della stagione in corso, quando la Juventus dovrà prendere la decisione sul futuro dell’allenatore. Così è intervenuto Caressa: Come si fa a cacciare un allenatore che centra tutti gli obiettivi imposti dal club? Nonostante tutto, per me si parla di uno degli allenatori migliori d’Italia e d’Europa. Thiago Motta? Ok quarto in classifica, ma Sartori ha messo a disposizione giocatori forti” – ha concluso sulla vicenda Allegri il giornalista.