Galeone consiglia la Juventus, nel segno di Allegri: “Tre segreti per vincere lo Scudetto”

Intervistato dal quotidiano Tuttosport a pochi giorni dalla sfida Juventus-Atalanta – dal grande sapore di lotta per la Champions League, soprattutto dopo le due sconfitte rimediate da entrambe all’ultimo turno di Serie A – Giovanni Galeone è tra i paladini che difendono la posizione di Massimiliano Allegri. L’ex allenatore tra le altre del Pescara ha giocato ruolo di fondamentale importanza nella creazione dell’allenatore toscano e del collega Gian Piero Gasperini, definendoli come “tra i migliori tecnici in circolazione”.

Continuando poi la propria intervista alle colonne del quotidiano vicino alle vicende dell’ambiente torinese, Galeone ha poi chiosato in merito le caratteristiche di entrambi i profili: “Gasperini è molto più metodico, concreto ed a tratti spigoloso per l’attenzione che mette in tutto quello che fa, mentre dall’altra parte Allegri è sempre stato più fantasioso. Peccato solo che ultimamente abbia perso quella spensieratezza che l’ha contraddistinto da giovane…” – ha affermato l’ex allenatore, quasi stuzzicando la guida della Juventus.

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus

Galeone sulla Juventus: “Cosa manca per vincere lo Scudetto”

Infine, Giovanni Galeone ha dichiarato la propria idea in merito la Juventus del futuro, che dovrà essere costruita necessariamente per provare a vincere lo Scudetto secondo il pensiero del nativo di Napoli: “Secondo me per arrivare fino in fondo e vincere un campionato tosto come quello della Serie A manca innanzitutto un giocatore che calci e segni dalla distanza, da fuori area per capirci. Altra cosa: sarà importante per la Juventus tenere Rabiot, circondandolo di almeno quattro profili di alto livello. Chi nello specifico? Senza dire i nomi: mancano un centrale forte, un mediano con gol nei piedi e due esterni che saltino l’uomo” – ha concluso Galeone a tre giorni da Atalanta-Juventus.